/** * Google Analytics */ /** * Fine Google Analytics */

Bufera sulla deputata PD Cristina Bargero che in un intervento alla Camera ha dichiarato che l’acqua pubblica non è un bene pubblico. Subito sommersa da critiche e insulti ha specificato:
«Nel mio intervento alla Camera stavo spiegando i principi della regolazione del servizio idrico. Chiunque abbia sostenuto un esame di Scienza delle finanze sa che dal punto di vista della teoria economica l’acqua che arriva nelle nostre case non può essere definita un bene “pubblico” (non rivale e non escludibile) perché se non ci fosse una rete idrica (acquedotto) i cittadini potrebbero esserne esclusi. Di qui la necessità della regolazione. Il mio intervento è stato travisato, postato solo in parte e per cui sono stata sommersa di insulti e minacce. Per questo ho provveduto a fare querela contro ignoti».
Ecco!Cavolo e fatelo ‘sto esame di Scienza delle Finanze, così non rompete e non travisate.Ma la nostra ha anche dichiarato:”All’utente finale non deve interessare chi gestisce l’acqua. Bastano un buon contratto di servizio e una regolazione.”Quindi cittadini, non rompete le palle agli amministratori, cosa vi interessa chi gestisce l’acqua, cosa vi interessa sapere come sia stata assegnata la gestione e a quali costi, a fare un buon contratto ci pensa l’assessore di turno, voi di che cavolo vi impicciate?E conseguentemente,immagino io, perchè volete impicciarvi di tutte le questioni che vi riguardano? Ci siamo noi in Parlamento, noi della maggioranza, noi del Governo che pensiamo a tutto,voi pensate a guardare XFactor o Amici, ad andare a vedere la partita.Questa devo dire è la parte che più mi preoccupa, la velata arroganza di queste persone che considerano un fastidio il controllo e l’interessarsi della cosa pubblica da parte dei cittadini.Non mi voglio intorcinare sulla questione tecnica del decreto legge che sembrerebbe disattendere l’esito del referendum sull’acqua, ma che mi si dica che non mi deve interessare sapere chi gestisce le cose che PAGO, mi fa girare le palle, a prescindere.

Author

Write A Comment